Latest News
Latest News

Ricevo e pubblico questa nota del Coordinamento Est Ticino con cui annuncia di aver sostanzialmente concluso la raccolta di firme a sostegno della proposta di legge di iniziativa popolare per riformare la legge vigente sull’immigrazione e vincere la sfida. “Ero straniero – L’umanità che fa bene”: ormai conclusa la campagna locale. Il parlamento dia un segnale approvando la legge sulla cittadinanza per i nati in Italia da genitori stranieri. Con lo scorso fine settimana si è sostanzialmente conclusa a livello locale la campagna “Ero straniero – L’umanità che fa bene”; un ultimo importante appuntamento è previsto però per venerdì 13/11 a Robecco sul Naviglio, alle 21 nel salone del Circolo Cooperativo di via Roma 11, dove si terrà un incontro a tema con Laura De Carlo (consulente legale Casa della Carità di Milano) e Paolo Petracca (presidente provinciale Acli Milano).

Durante la serata sarà ancora possibile firmare a sostegno della proposta di legge di iniziativa popolare che vuole riformare la legge vigente per vincere la sfida dell’immigrazione, puntando su accoglienza, lavoro e inclusione. Nell’ultimo fine settimana l’impegno del coordinamento è stato massimo, cosa che ha consentito alla raccolta firme di arrivare a 1500 firme: un risultato inaspettato che dà la misura di quanto il territorio sia ormai pronto a cambiare atteggiamento rispetto al tema dell’immigrazione. Moltissime sono state le persone con le quali abbiamo parlato e discusso, cercando di far comprendere che non esistono soluzioni semplici a fenomeni complessi, che le troppe semplificazioni portate aventi da alcuni politici e alcuni media non sono utili, che, invece, una oculata gestione del fenomeno – come proposta dalla nuova legge – sarebbe di grande vantaggio per tutti, italiani e stranieri. Molti cittadini hanno cambiato idea. E firmato. Ora, prima ancora che le decine di migliaia di firme raccolte in tutta Italia siano consegnate al Parlamento (cosa che avverrà a fine mese a cura del Comitato nazionale della campagna), chiediamo ai nostri rappresentanti di dare un segnale, chiediamo che sia finalmente approvata la nuova legge sulla cittadinanza per i nati in Italia da genitori stranieri. Ci sembra, semplicemente, un atto di civiltà: si tratta di bambini, ragazzi e giovani che hanno vissuto da sempre in Italia, immersi nella nostra cultura, frequentando le nostre scuole, a contatto con il nostro tessuto sociale, rispettando le nostre leggi. Sono, di fatto, italiani e lo sanno bene i loro compagni di scuola, i loro amici e i loro insegnanti. Certo, esistono delle differenze culturali tra ciascuno e loro e ciascuno dei nati in Italia da genitori italiani, ma, riteniamo, non sono molto diverse dalle differenze che sono sempre esistite tra un lombardo e un calabrese, un milanese e un bergamasco, un sedrianese e un bareggese. Sosteniamo quindi gli insegnanti – e i parlamentari – che si stanno mobilitando con un digiuno a staffetta, per chiedere che la legge sia approvata subito. Non farlo è incomprensibile e genererà solo nuovi problemi.
Informazioni aggiornate sulla campagna a livello locale sono disponibili sulla pagina facebook https://www.facebook.com/erostranieroestticino.
Chi volesse aderire al coordinamento può scrivere all’indirizzo mail erostranieroestticino@gmail.com.
Ulteriori informazioni sulla campagna nazionale sono disponibili:
·       sul sito http://erostraniero.casadellacarita.org/

·       sulla pagina facebook nazionale https://www.facebook.com/lumanitachefabene/

Related Post

Lascia un commento