Latest News
Latest News

Domenica 1° ottobre si svolgerà la manifestazione “Puliamo il mondo 2017”, promossa da Legambiente e a cui il Comune ha aderito. L’intento dichiarato dall’amministrazione comunale è pulire il “Fontanile di casa” di via L. da Vinci in previsione dei prossimi interventi agroforestali che verranno realizzati da parte di Legambiente come convenuto con apposita convenzione siglata il 5 novembre 2015. Ma Sinistra di Sedriano, trovando singolare che dopo due dall’accordo ci si è mossi in municipio per eseguire un intervento in un’area in cui si dovrà operare, è critica. E in questa nota che ricevo e pubblico argomenta la sua presa di posizione. “La buona nuova, di qualcosa in movimento, in divenire o per dirla a modo loro ‘to be continued’ termina, qui perché banalmente non si capisce la necessità di intervenire laddove è già previsto un radicale intervento da parte di qualcun altro, a fronte di pressoché innumerevoli siti alternativi, alla luce della diffusissima ed incontrastata abitudine di abbandonare i rifiuti ovunque e, che questa amministrazione, al pari delle precedenti, si dimostra impotente non solo a contrastare, ma anche ad approntare una qualsivoglia azione per ridurre il fenomeno. 

Per riassumere e sintetizzare in asettici numeri:
➤ l’obiettivo di promuovere una politica ambientale…. al fine di debellare il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti in aree pubbliche”, – zero – 
➤ la ratio di operare sul Fontanile di casa, del tutto incomprensibile – zero –
Zero più zero, uguale zero. 
Auguriamoci, e lo diciamo in italiano,  che l’esperienza politica di questi improvvisati ‘amministratori’ termini al più presto.
Ps. Esistono altri accordi riguardanti la realizzazione dei due “parchetti” sempre in via L. da Vinci, l’uno in prossimità del McDonald’s, curato e pulito, – pro domo propria – l’altro abbandonato da dio e dagli uomini; purtroppo ben conosciamo la sensibilità ecologica degli uffici e degli assessori preposti e il loro diuturno lavoro per ignorare e disattendere, meglio un confortevole dolce oblio”.


Lascia un commento