Latest News
Latest News

Sinistra di Sedriano è sempre pronta a cogliere quegli aspetti che trova buffi per ironizzare sugli amministratori comunali. Stavolta l’occasione gliel’ha offerta un articolo apparso sul settimanale Settegiorni in cui il sindaco Angelo Cipriani e l’assessore Armando Manes erano ripresi “in un abbraccio da vecchi commilitoni, di quell’amicizia indissolubile, cementata da anni di frequentazione e di comuni interessi, come quella del fai da te”. Ma cosa unisce i due amministratori? SdS informa serafica che “i due condividono una singolare passione: quella delle manutenzioni ordinarie”. Abbastanza per farci un quadretto per l’improvvisa inclinazione rivelata da sindaco e assessore a fare gli operai, ma anche per rievocare che il falò di Sant’Antonio è costato la bellezza di 10.922,34 euro. Sarebbe stata, a suo giudizio, una bella cosa se si fossero fatti carico della spesa. E in questa nota che ricevo e pubblico SdS denuncia la scarsa coerenza dei pentastellati.
“Il punto non è l’encomiabile attività svolta dai due ‘eroi stellati’ e dal consigliere Ghia, quanto piuttosto chiedersi com’è che il Comune di Sedriano non riesce a gestire l’ordinaria amministrazione? Non ne è capace? Ecco allora gli inossidabili stacanovisti mettersi all’opera nel silenzio e nell’interesse esclusivo del bene comune, anche se inevitabilmente le opere ed i pensieri di questi benefattori conquistano le prime pagine dei giornali. Danni collaterali che nuocciono, e non poco alla loro immagine. Del resto, come dicevano le nonne: ‘chi no gà testa, gà gambe…’. Non ce ne vogliano se riprendiamo anche una loro ricorrente preoccupazione ossessivamente riproposta ad ogni utile circostanza: quella dei costi. 

Ci riferiamo a piazza Cavour tornata a essere “decorosa”. Purtroppo il costo di questo intervento graverà ancora sulle tasche dei cittadini,  e allora signor Cipriani perché non riparlare dei costi del falò di Sant’Antonio che ai 6.996 euro inizialmente stanziati  per il trattamento delle ceneri, se ne sono aggiunti altri 3.926,34 perché la quantità effettiva è risultata inferiore a quella stimata – determina n. 141 del 28/4/2017 – per la ragguardevole somma totale di 10.922,34 euro.
Perché questi importi, non se li accolla lei ed i suo accoliti, unici responsabili di ciò? O la coerenza le fa difetto? Sedriano si muove, ma a passo di gambero. Alè

Related Post

Lascia un commento