Latest News
Latest News

Il sindaco Yuri Santagostino fa chiarezza sull’ordinanza che prevede la chiusura dei locali pubblici (bar) alle 23,30. La riesumazione dell’ordinanza ha suscitato qualche polemica. Da qui l’intervento del primo cittadino per spiegare la ratio della misura. L’ordinanza -puntualizza Santagostino– è del 2012 (n. 61), qualche anno fa, e credo sia per questo opportuno ricostruire perché fu emessa. Era da poco stata prevista – decreto legge n. 5 del 9 febbraio 2012 – la liberalizzazione dei piccoli intrattenimenti (quindi non si prevedeva più, giustamente, di dover chiedere autorizzazione per qualunque cosa organizzata da un bar), per questo si decise di limitare l’orario in modo da rispettare sia la buona volontà di chi organizzava ma anche chi magari gli eventi li “subiva”. Non siamo -prosegue Santagostino– bacchettoni o altro, così come siamo i primi ad essere grati a chi si propone, tra mille difficoltà, di rendere il nostro Comune più vivo. C’è solo questo vincolo orario da rispettare, ovviamente con buon senso (se si ritarda di qualche minuto nessuno ne fa un dramma). Le feste del paese, l’Autunno sanpietrino, le feste di associazioni e altri eventi hanno una normativa a parte e in alcuni casi diversa, spesso non si tratta di piccoli intrattenimenti visto che durano giorni.

Related Post

Lascia un commento