Latest News

Posts 3 Column Slider

Latest News
Tutto deciso da due persone nelle segrete stanze, altro che incontri pubblici annuali con la cittadinanza, come invece promessi in campagna elettorale. Sinistra di Sedriano punta l’indice contro il sindaco Angelo Cipriani e il vicesindaco Davide Rossi che hanno deciso “un tanto al chilo” la pianificazione della viabilità. E in questa nota che pubblico contesta le scelte dei due “improvvisati urbanisti”, come definisce sindaco e vicesindaco.
E’ possibile partire dall’ormai celebre marciapiede di via Mazzini, costruito senza essere stato approvato in giunta (nessuna delibera), senza nessun parere da parte del comandante della polizia locale (ha raccontato che non è necessario), facendolo addirittura passare come intervento di manutenzione… Possiamo poi passare ai famosi parcheggi di piazza Cavour, nati sulla falsariga dello spot televisivo di una banca (… costruita intorno a te) con lo slogan ‘Parcheggia dove vuoi, saremo noi a venirti incontro.
Disegneremo il parcheggio intorno alla tua macchina…’. Non possiamo evitare di domandarci: ma in questi anni, chi ha parcheggiato in piazza Cavour solo negli spazi autorizzati, è da considerarsi un fesso?… Ma arriviamo all’ultima new entry: i dossi apparsi all’angolo tra la via Rogerio da Sedriano e Giovanni da Sidriano… Noi di SdS siamo certamente e storicamente favorevoli ai dissuasori in quanto strumento di sicurezza, soprattutto se utilizzati con  cognizione di causa, come -ad esempio- in prossimità di scuole,  piste ciclabili,   strettoie, in zone pedonali ecc… Ma di quelle due ‘gobbe’ collocate in quel punto (una curva ad angolo) dove -necessariamente- qualsiasi veicolo è già obbligato a rallentare fin quasi a fermarsi, facciamo molta fatica a capirne il senso logico e la sua pratica l’utilità… Comunque non tutto ciò che è stato fatto è necessariamente discutibile. Per esempio. È possibile ammirare una vera e propria opera d’arte che denota ‘fantasia al potere’: le strisce curve dopo l’ultimo parcheggio di via Verdi (angolo via Rossini). Cose da espressionismo astratto: complimenti e… chapeau! Potremmo andare avanti anche con altro, ma preferiamo fermarci qui e chiudere con una sobria riflessione. Si sente molto parlare dell’intervento che il sindaco (o la giunta?) ha intenzione di attivare in via De Amicis: la pista ciclabile portata a metà carreggiata, parcheggi che scompaiono, ecc… Al momento sono solo voci prive di fondamento, ovvia e diretta conseguenza dell’assenza completa di comunicazione da parte di questa compagine amministrativa. Quella che doveva l’essere la giunta aperta ai cittadini, quella delle soluzioni condivise e non assunte nelle  segrete stanze, quella della trasparenza e della partecipazione e che sta dimostrando -ogni giorno di più-  di essere una delle più chiuse, arroganti ed incompetenti di sempre”.     

Related Post

Lascia un commento