Latest News

Posts 3 Column Slider

Latest News
L’amministrazione comunale ha dato dal suo punto di vista tutte le spiegazioni della scelta di riaprire con nuove modalità gli ambulatori comunali, ma la minoranza non molla dal suo proposito. Infatti se in municipio non prenderanno in considerazione le 1.600 e passa firme (fra i firmatari c’è anche il consigliere comunale pentastellato Giuseppe Li Greci)  è pronta a mettere in pista nuove eclatanti iniziative. Il proposito della giunta di dare in affitto i locali di via Fagnani a liberi professionisti con tariffe di mercato non va giù all’opposizione, anzi contesta il progetto che, a suo giudizio, confligge apertamente con le aspettative dei cittadini che hanno sottoscritto la petizione.

E quel che peggio, a suo dire, si fa un regalo ai privati. Intanto il Partito democratico è determinato a presentare una nuova mozione se l’amministrazione comunale non dovesse smuoversi dalle sue intenzioni. Ma appare difficile, avendo già raccolto le manifestazioni di interesse dei medici, che possa tornare indietro. “La soluzione, proposta dalla giunta Cipriani -afferma il Pd-, è poco vantaggiosa per i sedrianesi, lo è invece sicuramente per i professionisti che vorranno aderire. Infatti con la modica cifra di 150-300  euro al mese possono usufruire di un ambulatorio per 4-8 ore settimanali, senza dover fare nessun  investimento, e allargando l’utenza anche ai non residenti. Tale scelta è incomprensibile e non in linea con le richieste e il desiderio dei cittadini, in particolare di quelli anziani, che avrebbero, con la nostra proposta, la  grande comodità e anche l’autonomia  di usufruire dei servizi nel paese, senza il coinvolgimento di familiari o del servizio di trasporto comunale”.

Related Post

Lascia un commento