Latest News
Latest News

Meglio un’unica agenzia Afol per la formazione lavoro che tante. A dirlo sono le Sinistre dell’ovest Milano* che guardano con preoccupazione quello che rischia di accadere. La premessa è che nella provincia di Milano operano sei agenzie pubbliche (Afol) che gestiscono i centri per l’impiego (ex collocamento) e la formazione, o meglio cinque, perché nella zona dell’ovest milanese (Legnanese, Castanese, Magentino, Abbiatense) tali servizi sono affidati a una società che agisce come un privato: Eurolavoro, dove il socio di maggioranza è la Provincia e quelli di minoranza vogliono andarsene. Il problema, secondo le Sinistre dell’ovest Milano, è che la gestione possa essere rinnovata nel prossimo maggio. Sarebbe, a loro giudizio, una scelta insensata e pericolosa, così come risulta fallimentare la strada delle “doti” regionali, che sottomettono tali servizi a una logica privatistica, che serve a finanziare le agenzie private, ma non ad assicurare l’ingresso nel mondo del lavoro delle persone in cerca di occupazione. Che fare, allora? Basterebbe, a loro giudizio, sottoporre a “spending review” l’attuale sistema delle Afol, per risparmiere centinaia di migliaia di euro, utilizzabili per incentivare le assunzioni. Tuttavia il progetto della Provincia di un’unica Afol Metrolopolitana pubblica, decentrata e partecipata dai Comuni, potrebbe essere una soluzione condivisibile anche dalla futura città metropolitana. Ma l’eventuale scelta di confermare Eurolavoro andrebbe, a loro parere, in senso contrario. Chi lavora nei CPI di Legnano, Magenta, Abbiategrasso -affermano- è molto preoccupato del destino del servizio pubblico, e i sindacati -pur debolmente- hanno fatto sentire la loro voce. Da qui il loro auspicio che anche le amministrazioni comunali dell’ovest milanese facciano sentire la loro voce, visto che finora si sono limitate a guardare o a intraprendere iniziative estemporanee. Insomma che facciano sentire la loro voce a favore di un servizio pubblico per il lavoro aperto a tutti, efficace e trasparente. Subito la zona ovest nell’Afol Metropolitana! Intanto per dare forza all’iniziativa propongono ai consigli comunali di approvare un ordine del giorno in questo senso, per una nuova politica per il lavoro anche nell’ovest milanese.

Sinistre dell’ovest Milano*
* SEL (Corbetta, Abbiategrasso, Bareggio, zona castanese, zona legnanese), PRC (Bareggio, Abbiategrasso, Arluno, Corbetta, Magenta, zona legnanese), Sinistra di Sedriano, Sinistra di Vittuone, Vado a sinistra di Santo Stefano Ticino, Cantiere Alternativo Giovani Magenta

Related Post

Lascia un commento