Latest News
Latest News
Arresti e denunce. Il vasto servizio di controllo coordinato del territorio in cui la Compagnia di Rho ha impegnato 30 uomini e 15 pattuglie è culminato in decine di persone controllate. L’operazione si è conclusa con l’arresto di 9 persone e di 5 denunciate in stato di liberà.

Le violazioni contestate hanno riguardato parecchi reati: spaccio di stupefacenti, furto, ricettazione, evasione dagli arresti domiciliari, guida in stato di ebbrezza.
A Cornaredo sono stati deferiti all’autorità giudiziaria una giovane cittadina rumena che stava rubando al supermercato Bennet e un automobilista che guidava la propria auto sotto l’effetto di alcolici. Un marocchino invece è stato tratto in arresto per furto e guida sotto l’uso di stupefacenti. Inoltre è stato fermato un uomo, classe ’50, trovato in possesso ingiustificato di arnesi da scasso ed oggetti atti ad offendere.

A Bollate e Baranzate i militari della locale tenenza e del NORM della Compagnia di Rho hanno rintracciato e tratto in arresto:

un cittadino italiano, classe ’66, in esecuzione di ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Milano per violazione leggi sugli stupefacenti;

un cittadino italiano, classe ’57, che doveva scontare una pena definitiva di mesi 9 di reclusione per furto aggravato continuato in concorso;

un cittadino rumeno, classe ’80, che doveva scontare pena definitiva di mesi 10 di reclusione, per furto aggravato ed evasione dagli arresti domiciliari;

un cittadino italiano, classe ’81, che doveva scontare una pena definitiva di mesi 8 reclusione, per furto aggravato, resistenza a pubblico ufficiale. e lesioni.
Un cittadino egiziano, classe ’76, in esecuzione di ordine di custodia cautelare in carcere, poiché non ottemperava all’obbligo di dimora nel comune di Baranzate che era stato emesso per il reato di maltrattamenti in famiglia.
A Cesate i militari hanno fermato ad un posto di controllo un cittadino sudanese su cui pendeva un ordine di carcerazione per l’espiazione di una pena di 6 mesi di reclusione per il reato di ricettazione.
A Garbagnate un italiano è stato tratto in arresto perché inosservante degli obblighi imposti dall’autorità giudiziaria mandante.

A Pero un cittadino italiano del ’67 è stato fermato a un posto di controllo e arrestato perché destinatario di un ordine di carcerazione emesso dovendo scontare pena definitiva di oltre 2 di reclusione per reati vari contro il patrimonio.

 

Related Post

Lascia un commento