Latest News
Latest News
La trasparenza è una priorità irrinunciabile per la pubblica amministrazione, ma spesso e volentieri se lo scorda. 
Per esempio a Cornaredo non c’è traccia nel sito comunale dei compensi che ricevono gli assessori né dell’entità del gettone di presenza dei consiglieri comunali né tantomeno dei componenti delle municipalizzate. 
Una curiosa dimenticanza che inevitabilmente ha finito per dare adito a dubbi e sospetti in un momento in cui i cittadini essendo chiamati a tirare la cinghia si aspettano che i rappresentanti del popolo siano cristallini e diano conto sia di quello che realizzano nell’esercizio delle loro funzioni che degli emolumenti corrisposti. 
Ma così non è stato forse più per negligenza e insensibilità che per altro. Insomma i nostri prodi amministratori non hanno ancora capito che la trasparenza non è un optional, ma un dovere. 
Il risultato di cotanta “amnesia” è che sono circolati in rete numeri e notizie non proprio corretti sui compensi degli amministratori con la conseguenza di gettare discredito indiscriminato e mettere tutti nel tritacarne. Infatti su Facebook, riprendendo quanto diffuso dal Partito democratico cittadino, sono state pubblicate le retribuzioni degli amministratori cornaredesi che non corrispondono all’effettiva entità. 
Ma solo l’assessore Dario Ceniti è intervenuto per correggere l’entità degli importi sbagliati pubblicizzati.
“Mi spiace -ha detto l’assessore Dario Ceniti– che si diffondono notizie tendenziose con il solo scopo di denigrare chi s’impegna per il bene della comunità. Per quanto mi riguarda l’emolumento che percepisco dopo i tagli effettuati dalla giunta, in qualità di assessore ai lavori pubblici, viabilità e rapporti con i quartieri è di 402,29 euro (e non quanto pubblicato 596,13 euro). Tuttavia gli esponenti del Pd dimenticano di dire che in passato non si sono mai sognati di tagliarsi lo stipendio, nonostante le mie sollecitazioni.Ai cittadini ogni possibile giudizio”.
One thought on “CORNAREDO La trasparenza “dimenticata” in municipio”
  1. Gli importi sono stati deliberati dalla Giunta comunale e la delibera (nr.77 del 8 ottobre 2012) è all'albo pretorio del sito del comune di Cornaredo a questo link:
    http://www.comune.cornaredo.mi.it/pubblicazioni/Albo_Pretorio/Albo_Dettaglio.asp?ID_M=281&ID=1523
    Ceniti fa solo polemica dimostrando di essere completamente distratto e non corregge alcunchè poichè dà l'importo al netto mentre in delibera è al lordo. Per il resto perchè dare il merito al PD per la corretta informazione se la notizia è stata pubblicata su facebook da Piazza Libertà? Ceniti relax!

Lascia un commento