Latest News
Latest News
Il Comitato Tenti ha commentato duramente in una nota l’accordo che Legambiente e società proprietaria dei terreni in cui insiste il “bosco del Bacin” hanno siglato, previo 100.000 euro a favore dell’associazione.
Nel 2009 Legambientepromuove un ricorso al Tar contro il piano integrato che prevede per i vittuonesi la proprietà di villa Venini.
A ridosso delle elezioni 2012, Legambiente ritira il ricorso al Tar. 
Perchè?
Mentre i cittadini si interrogano sui reali motivi, la sinistra vittuonese, attraverso  il consigliere Bodini, si affanna a scrivere di aver chiesto informazioni a Legambiente Lombardia
Le solite balle! Bodini il 4 novembre 2011 in una riunione in Comune affermava di sapere del ritiro del ricorso, proprio perché rappresentante di Legambiente. Dovrebbe quindi conoscere il contenuto dell’accordo raggiunto!

Ecco la verità
L’accordo tra Legambiente e la proprietà dell’area  prevede (guarda caso) un compenso di 100 mila euro a favore del circolo Vit.A Legambiente di Vittuone.
Tale compenso “formalmente” è previsto per la manutenzione di una zona a verde. Ma, sorpresa, i soldi li prenderanno anche se la manutenzione non verrà fatta da loro!
Infatti, si legge nell‘accordo consultabile in Comune, che TEcno.IN si impegna a versare all’Associazione Vit.A l’importo di 100.000 euro a rate o in una unica soluzione, questo indipendentemente da chi farà la manutenzione dell’area!!
Risultato?
Il privato costruirà quanto previsto.
Il circolo Vit.A Legambiente porta a casa 100.000 euro e i vittuonesi, grazie a Legambiente e compagni, aspettano da 4 anni la ristrutturazione della villa Venini!
Per il circolo Vit.A Legambiente e la sinistra vittuonese (sono sempre loro!) il ricorso al Tar è stato come vincere Winforlife!
Ecco quanto vale per Vit.A Legambiente e la sinistra vittuonese il verde: 100 mila euro. 
Fonte: www.comitatotenti.it

Lascia un commento