Latest News
Latest News

Basta con l’ufficio postale nei locali di proprietà comunale.
Sì, l’amministrazione comunale non potendone più delle continue inadempienze ha mandato formale disdetta del contratto di affitto a Poste Italiane. 
La decisione, sofferta, è stata presa a seguito alle numerose segnalazioni dei cittadini pervenute in municipio e del Comune a Poste Italiane per il disservizio prestato a Vittuone ormai da troppi mesi. 
“Poste in mora a causa del disservizio prestato”. 
Non è uno slogan ma il gioco di parole utilizzato dal sindaco Enzo Tenti per lanciare un segnale forte a Poste Italiane. 
“Molti cittadini non ricevono regolarmente le comunicazioni a loro destinate -precisa Enzo Tenti– alcuni devono addirittura pagare multe per non aver evaso una bolletta in tempi regolari, questo non per colpa propria ma solo perché le poste non hanno provveduto a consegnare la missiva in tempo. Più volte ho tentato di parlare con i responsabili, con i referenti di zona o nazionali…mai nulla è servito per risolvere il disagio che molti vittuonesi si trovano ad affrontare. Forse questo gesto servirà a spronare le Poste Italiane a sedersi ad un tavolo per tentare di risolvere il problema. Personalmente ritengo che gli immobili comunali debbano dare un servizio -conclude il sindaco- quello usato dalle poste non ne dà ormai da troppo tempo”.

Lascia un commento