Latest News
Latest News

CORNAREDO (31 agosto 2011) – C’è fermento in paese per gli ultimi preparativi in vista della “Festa e fiera del paese 2011. 

La novità più rilevante della kermesse, in programma dal 2 al 6 settembre, è la decisione dell’amministrazione comunale di coinvolgere tutto il territorio comunale (sono vari quest’anno i punti di ritrovo per le tante iniziative promosse) e tutti i soggetti attivi della comunità stessa. E così non mancherà il contributo dei giovani (con il concerto di apertura proposto dall’associazione Feedback), dei “meno giovani” (con le serate di ballo accompagnate dalla musica dal vivo ne “La sportiva”), delle varie associazioni (la Proloco), dei commercianti (che hanno proposto la griglieria in piazza con balli latino-americani e le mostre fotografiche itineranti), dei bambini e delle loro famiglie.
Oltre ad essere un importante momento di svago e di divertimento per tutti, la sagra non può dimenticare la sua valenza istituzionale: da qui, l’organizzazione di un concerto in onore dei 150 anni dell’Unità d’Italia (promosso nella serata di lunedì 5 settembre in occasione della premiazione del Corniolo D’oro), l’allestimento del “Bibliobus”, ovvero la biblioteca itinerante, e la presenza per tutta la durata della manifestazione del gazebo dell’Acsa che, nel ricordare il premio ottenuto da Cornaredo come “Comune riciclone”, pubblicizzerà nuovamente le modalità della raccolta differenziata dei rifiuti a domicilio.
“Questa festa è il risultato di un ottimo lavoro di squadra svolto da tutti gli assessorati -spiega l’assessore alla cultura, Sonia Cagnoni-, che hanno operato per realizzare un evento che ha lo scopo di coinvolgere tutti i cittadini e di far loro riscoprire le tradizioni del nostro territorio. Le mostre fotografiche, la fiera agro-zootecnica, la degustazione dei cibi tipici locali (come la trippa e il risotto), le canzoni milanesi e le storie di cortile che verranno proposte vanno proprio in questa direzione: mirano a riportarci indietro nel tempo e a farci apprezzare le nostre radici”. Tutto questo con la novità dello spostamento di parte degli spettacoli nella zona di via Don Sturzo, chiamata in causa per il primo anno, e con un occhio attento alla razionalizzazione delle spese (visto il momento economico non felice) e al rispetto delle normative di sicurezza. “Abbiamo imposto -continua l’assessore Cagnonila massima attenzione alle normative sulla sicurezza per dare maggiore tranquillità ai cornaredesi. Purtroppo le regole rigide che impone la normativa hanno portato alla defezione degli ‘Amici del cortile’. L’associazione non potendosi adeguare alle richieste rispetto al concerto serale ha dato forfait e di questo siamo molto rammaricati”.
Tornano, invece, quest’anno i fuochi d’artificio che segneranno la chiusura della kermesse: lo spettacolo pirotecnico di martedì sera sarà offerto dagli esercenti del luna park. “A dispetto di tutti coloro che hanno messo in giro voci non vere riguardanti la soppressione della manifestazione -conclude il sindaco Luciano Bassani– la festa del paese ci sarà anche quest’anno e sarà ancora più ricca e articolata rispetto al passato. A nome dell’amministrazione comunale auguro una buona festa a tutti”.

Lascia un commento