Latest News
Latest News
Il Comune ha incominciato ad allargare i cordoni della borsa per effetto dell’esecuzione delle sentenze sull’area feste. E per farlo ha dovuto ricorrere al debito fuori bilancio. Infatti ha dovuto obtorto collo provvedere alla liquidazione della controparte (ingegner Angelo Munari) in vista del maggiore e oneroso pagamento agli altri ricorrenti che rischia di mettere in grave sofferenza le casse municipali per il presente e il futuro. E così sulla scia della notifica (20 gennaio 2020) in municipio della sentenza esecutiva della Corte d’Appello di Milano n. 190/2020 che, in riforma alla sentenza di primo grado del Tribunale ordinario di Milano n. 7612/2018, ha accolto l’appello proposto dell’ingegner Angelo Munari e condannato il Comune a riconoscergli la somma di 10.664,45 euro a titolo di refusione delle spese legali per i giudizi di primo e secondo grado.  Da qui la necessità di ricorrere al debito fuori bilancio per corrispondere il dovuto (10.665,45 euro) all’ingegner Munari per le spese legali sostenute nei due gradi di giudizio. 

Il provvedimento è stato approvato nel consiglio comunale dello scorso 18 giugno. La curiosità è che l’opposizione si è divisa: Lega (Roberto Scurati) ha votato a favore, il Pd contro (Giuseppe Pisano, Maria Teresa Olgiati, Tiziano Bandera) il Gruppo Indipendente (Susi Auletta) assente. 

Lascia un commento