Latest News
Latest News

Se si voterà in primavera ancora non è certo, ma quel che è sicuro le forze politiche sono nel frattempo in piena mobilitazione. Sinistra di Sedriano per esempio si è confrontata, da remoto, con alcuni esponenti del Pd sedrianese, per valutare l’esistenza di premesse per una possibile alleanza programmatica. L’esito finale è che oggi non ci sono le condizioni per correre insieme. Infatti il Pd vorrebbe dar vita a una lista civica ampia e alquanto eterogenea che vada fin troppo, oltre gli schieramenti politici, con l’apporto di SdS, anche se con un ruolo non del tutto riconoscibile. SdS invece è per una coalizione di centro-sinistra, all’interno di un “patto di pari dignità”. Insomma un accordo tra SdS e Pd, che unisca tutte le forze, persone e idee con una chiara matrice antifascista e al contempo salvaguardi le diverse identità nel rispetto degli ipotetici pesi elettorali.

“Alla luce di quanto emerso -puntualizza- risulta evidente come il percorso verso l’appuntamento elettorale se pur con obbiettivi comuni – il bene di Sedriano – renda incolmabile la profonda diversità di presupposti e dei conseguenti strumenti, altrettanto fondamentali, per raggiungere tale fine non potrà essere comune, ma ben distinto. Superfluo precisare che continueremo, con coerenza ed impegno, la nostra ormai ultra decennale attività politica con l’auspicio che la serietà e la dedizione fin qui dimostrata si traduca in consenso elettorale permettendoci così di incidere effettivamente sulle future scelte amministrative”.

Lascia un commento