Latest News
Latest News
Silvia Scurati
E’ stata depositata oggi al Pirellone la proposta di legge regionale Misure per la comunicazione di informazioni riguardanti minori in attuazione della legge n. 54/2006 “Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento”. “Il principio di bigenitorialità -spiega Silvia Scurati, consigliere regionale della Lega e prima firmataria del progetto di legge- è il principio etico in base al quale un bambino ha una legittima aspirazione, vale a dire, un legittimo diritto a mantenere un rapporto stabile con entrambi i genitori, anche se gli stessi siano separati o divorziati. Essere genitori è un impegno che si prende nei confronti dei figli e non può e non deve essere condizionato da un’eventuale separazione. A maggior ragione nell’ambito nella gestione delle comunicazioni inerenti la salute, l’istruzione e di carattere amministrativo, relative a figli minori al fine di garantire che entrambi i genitori siano informati contemporaneamente sugli eventi della vita del figlio”.

La proposta di legge prevede, in attuazione alla legge nazionale 8 febbraio 2006 n. 54 (Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli), che tutte le comunicazioni degli uffici regionali, le ATS e le aziende sociosanitarie territoriali, gli organismi sottoposti a controllo e vigilanza di Regione Lombardia relative al minore siano indirizzate a entrambi i genitori. “Si rende necessaria –prosegue Scurati– anche l’attivazione di protocolli di intesa con gli enti locali e le istituzioni scolastiche finalizzati a fornire tutte le informazioni sull’andamento e sui risultati scolastici ad entrambi i genitori”. Non solo. “Questo passaggio legislativo -aggiunge Scurati– apre una profonda rivoluzione del rapporto tra Regione e genitori, accogliendo le istanze del mondo dell’associazionismo parentale, garantendo il diritto soggettivo del figlio di vedere ugualmente coinvolti i genitori nelle decisioni relative alla sua vita.” Già numerosi Comuni lombardi hanno attivato un proprio registro della bigenitorialità, mentre in altri si è aperto un dibattito che però vede il principio della bigenitorialità, ad oltre 10 anni dalla nascita, scontrarsi con un ostracismo strisciante e diffuso da parte del centrosinistra. “Dopo le condanne all’Italia -chiosa Scurati– per violazione del principio di bigenitorialità da parte del Consiglio d’Europa con la risoluzione 13870 del 2 ottobre 2015 e della Corte Europea per i Diritti dell’Uomo, la Lombardia si conferma all’avanguardia nel nostro Paese nella tutela dei diritti dei genitori e dei figli. Genitori responsabili e informati che abbiano come punto fondamentale della loro attenzione l’esclusivo e supremo interesse dei loro figli , non genitori di serie A e di serie B”. 

Lascia un commento