Latest News
Latest News
Un’app gratuita per dare la possibilità ai cittadini di Bareggio di segnalare in tempo reale alla polizia locale, direttamente dal loro smartphone, situazioni di pericolo e anomalie. L’amministrazione comunale, guidata da Linda Colombo, ha infatti aderito al progetto di sicurezza partecipata “1Safe”, sistema semplice e innovativo per creare un rapporto stretto tra cittadini e polizia locale. Gli utenti possono inviare segnalazioni riguardanti, ad esempio, decoro urbano, disturbo della quiete pubblica, incidenti stradali, truffe, atti vandalici, semafori guasti, sosta sugli stalli riservati ai disabili, persone sospette e oggetti smarriti.  “I vantaggi dell’utilizzo del sistema -spiega l’assessore all’innovazione Nico Beltramello sono evidenti. Innanzitutto l’aumento della sicurezza nel territorio comunale, poi il coinvolgimento e la sensibilizzazione dei cittadini nelle dinamiche del Comune”.  L’app “1Safe”, già scaricabile gratis dagli store (info anche su www.1safe.it), si integra facilmente con le modalità di intervento delle autorità pubbliche, attraverso un pannello di controllo che consente di verificare tutte le segnalazioni presenti all’interno del proprio territorio. Ricevuta la segnalazione da parte del cittadino, le forze di polizia possono decidere se inviare una risposta o intervenire direttamente. 

“Questo è solo l’inizio -continua l’assessore Beltramello–  un primo passo verso il controllo di vicinato. L’app (adottata da 45 Comuni italiani) ha molte funzionalità tra cui quella che permette di verificare in tempo reale l’affidabilità della comunicazione e inviarla agli altri utenti della zona per informarli o allertarli”. 
“Ringrazio l’assessore Beltramello e il comandante della polizia locale Riccardo Milianti -aggiunge l’assessore alla sicurezza Lorenzo Paietta– che si sono occupati del progetto. Ancora una volta abbiamo deciso di investire sulla tecnologia per aumentare la sicurezza. Mettiamo a disposizione dei cittadini di Bareggio uno strumento semplice e affidabile per segnalare problemi e avere risposte in tempo reale. Un canale diretto, a differenza di Facebook che, continuo a ripeterlo, non è lo strumento corretto per comunicare con l’amministrazione comunale e le forze dell’ordine”.  La proposta aderire al progetto è partita dal comandante della polizia locale Milianti. “L’introduzione dell’app –dichiara Milianti– fa parte di un progetto più ampio di sicurezza partecipata che mira a coinvolgere attivamente i cittadini nelle politiche di sicurezza urbana. L’adesione al progetto “Acciuffa la truffa” e l’istituzione del controllo di vicinato saranno gli step successivi di una strategia che mira a informare i cittadini e a coinvolgerli attivamente nella gestione della sicurezza. L’app 1SAFE facilita enormemente la preziosa attività di segnalazione per mezzo dello smartphone aprendo un canale di comunicazione immediato e privilegiato con la polizia locale”.

Lascia un commento