Latest News

Posts 3 Column Slider

Latest News
Sabato 21 gennaio alunni e genitori di tutti gli istituti scolastici cittadini sono invitati a visitare, sotto la guida del personale di Gemeaz Cusin Spa la cucina della scuola Rodari di via Matteotti.
Il programma prevede alle 9.30 l’accoglienza dei partecipanti da parte di un esperto della ristorazione scolastica di Gemeaz; alle 10 la presentazione dei prodotti utilizzati per la preparazione dei pasti e delle metodologie di preparazione dei pasti; alle 11.30 la degustazione di alcuni prodotti.

Scopo dell’iniziativa, che si svolgerà successivamente anche negli altri due centri cottura presenti sul territorio comunale, è quello di promuovere la conoscenza del servizio mensa da parte dei genitori.
Il servizio di refezione viene erogato, da lunedì a venerdì, agli alunni che ne fanno richiesta, attraverso tre centri cottura dislocati nei tre plessi scolastici di via Matteotti, via Mirabello e via Gallina, mentre, per quanto riguarda la nuova scuola dell’infanzia Munari si provvede con il trasporto dei pasti dal centro cottura di via Mirabello.

Dal 1° gennaio 2010 il servizio di ristorazione è fornito dalla concessionaria Gemeaz Cusin Spa, società di ristorazione aggiudicataria del bando di gara dell’amministrazione comunale.

Con oneri a carico di Gemeaz, nel biennio 2010 e 2011, sono state effettuate migliorie alle cucine sia con interventi a livello strutturale sia con l’inserimento di attrezzature moderne e funzionali, meglio rispondenti anche alle nuove disposizioni in materia di sicurezza, per un investimento totale di 42.705 euroi
Gli interventi distribuiti sui tre centri cottura più significativi in termini di ammodernamento sono l’acquisto di abbattitori di temperatura, di cestelli forati per bollitore e di lava centrifughe per verdure, nonché di nuovi congelatori.
Sono state inoltre svolte operazioni di manutenzione straordinaria nei locali delle mense.
A seguito del bando di gara sono è stato introdotto il pagamento anticipato che si effettua mediante ricariche presso negozi convenzionati presenti sul territorio comunale, al fine di agevolare l’accesso al servizio da parte delle famiglie, che in precedenza avevano necessità di recarsi presso la tesoreria comunale oppure utilizzare il Rid bancario.
La commissione mensa, composta da rappresentanti dei genitori, dei docenti, dell’amministrazione comunale e con la partecipazione di un esperto Gemeaz e un esperto incaricato dagli uffici comunali per il controllo sulla preparazione sui pasti, verifica la composizione del menu scolastico e di monitoraggio delle qualità del servizio.
«L’Open Day delle mense scolastiche -afferma l’assessore ai servizi scolastici Ermes Garavaglia- vuole essere una occasione per presentare la professionalità messa quotidianamente in campo da chi gestisce e lavora presso le mense delle nostre scuole cittadine. Sarà anche occasione per i genitori di incontrare i rappresentanti di Gemeaz, della commissione mensa e dell’amministrazione comunale per un confronto sulla qualità erogata con questo servizio scolastico. Un appuntamento da non perdere».
“L’esternalizzazione del servizio mensa scolastica -aggiunge il sindaco Monica Gibillini – è tra i progetti di mandato che abbiamo realizzato per primi, per soddisfare l’esigenza delle famiglie e dei nostri piccoli concittadini. L’individuazione di questa  nuova modalità gestionale ha consentito finora di ammodernare le strutture delle cucine scolastiche per migliorare la preparazione dei pasti. A causa dei vincoli di finanza pubblica il cosiddetto patto di stabilità, il Comune è costretto a scegliere nei limiti delle risorse economiche che lo Stato permette di spendere, quali interventi fare tra manutenzioni straordinarie (scuole, strade, immobili comunali), opere pubbliche e acquisto di attrezzature durature e informatiche. Attraverso l’esternalizzazione -conclude Gibillini – sono stati garantiti gli interventi presso la mensa scolastica lasciando al Comune la realizzazione di altri interventi e soddisfare così il più possibile i bisogni della cittadinanza”.

Lascia un commento