Latest News
Latest News
Pubblico questo intervento del gruppo consiliare della Lega nord
“Se amassero davvero Bareggio, avrebbero già  seguito l’esempio della Lega Nord”. 
Al Carroccio non è andata giù la stoccata della Lista civica secondo cui, se sulla ex cartiera non ci sono ancora sviluppi positivi, la colpa è anche della Lega, che per due anni ha avuto la delega all’urbanistica. “Sembra proprio che ‘Io amo Bareggio’ abbia la memoria corta, dimenticando volutamente tutta una serie di progetti e di documenti politici e programmatici che la Lega ha messo sul tavolo nel corso dei due anni e mezzo in riunioni di maggioranza che si concludevano sistematicamente in un nulla di fatto», si legge in una nota diffusa dal direttivo dei Lumbard. 
Nello specifico, per quanto riguarda l’ex cartiera, “il nostro ex assessore Silvia Scurati non ha mai avuto da parte del sindaco l’autonomia necessaria per predisporre un piano progettuale e per avviare un confronto serio con gli operatori per la realizzazione di un’opera fondamentale per Bareggio, tanto il primo cittadino vietava di fatto al nostro vicesindaco ogni tipo di colloquio sul tema in sua assenza”. 
Lo stesso, assicura la Lega, per altri interventi come quello di riqualificazione delle corti o della ditta ex Alma, “per i quali ci sono già  dei progetti presentati dal nostro ex assessore che giacciono da oltre due anni nel cassetto del sindaco”. 
E non è certo il parcheggio dell’oratorio a salvare la baracca: “Ammirevole che la lista civica voglia farla passare come vittoria di questa amministrazione”. 
“Non entriamo nel merito dell’impegno dei loro assessori Catturini e di Stellardi e neppure del fatto che ‘Io amo Bareggio’ ha visto la fuga di un proprio consigliere, di due presidenti e di un assessore; il dato di fatto è che senza autonomia di gestione delle proprie deleghe non si va da nessuna parte. E’ desolante inoltre che “Io amo Bareggio” cerchi di incolpare la Lega Nord, anche perché sarebbe troppo facile divulgare alla stampa i numerosi documenti programmatici portati avanti dal nostro movimento e rimasti senza risposta. 
Dispiace inoltre vedere Gianfranco Colombo e la sua lista continuare ad ingoiare bocconi amari, stare zitti e subire la predominanza del sindaco. Ma questo è evidentemente quello che si merita ‘Io amo Bareggio’ così come tutti coloro che ancora oggi stanno consentendo alla signora Gibillini di occupare la poltrona di sindaco di Bareggio” .

Lascia un commento