Latest News
Latest News

Il Partito democratico attacca frontalmente l’amministrazione comunale. “In due anni e mezzo -afferma- dall’insediamento e dall’approvazione del piano di governo del territorio la maggioranza è in grave ritardo nel dare attuazione alle scelte di pianificazione generale con particolare riferimento alle aree pubbliche”. 
Le uniche cose, a suo giudizio, che ha fatto sono quelle già finanziate e lasciate in eredità dal centrosinistra. Per il resto regna l’immobilismo. Tuttavia trova -ironicamente- che questo non è un male come per il parcheggio sotterraneo in piazza Libertà, che, modificando in corsa la convenzione Bennet, è stato preferito all’asilo nido. 
Intanto, a suo dire, tutto tace sulla realizzazione delle casa di riposo per anziani in San Pietro all’Olmo, che pure è stata rilanciata con grande enfasi così come per Villa Dubini su cui il Pdteme che silenziosamente si possano materializzare interessi privati, facendo perdere al Comune l’opportunità di riqualificare il centro di San Pietro all’Olmo. Anche per la nuova sede della polizia locale -accusa il Pd– manca una scelta definitiva. 
La verità, a suo dire, è che la giunta difetta di una visione complessiva del territorio e oscilla fra una scelta e l’altra senza bussola di orientamento. Intanto la realizzazione di una nuova scuola primaria in via Pisacane è rinviata nel tempo con il rischio di destinare l’area ad altro. 
La cosa più singolare -aggiunge il Pd– è che la giunta nella sua più completa inerzia è stata solo capace di riempire di terra la fontana in piazza Libertà. Troppo poco, secondo il Pd, per non farsi parte attiva e lanciare i “laboratori progettuali” per i centri storici al fine di coinvolgere i cittadini nella nuova pianificazione della città. 
La verità -sottolinea il Pd– è che la giunta Pdl-Lega nord evidenzia crepe progettuali rilevanti e in assenza di una visione d’insieme, a nulla servirà l’avviata revisione del Pgt se non a far convergere piccoli interessi e aspettative di parte.

Lascia un commento