Latest News
Latest News

Il nuovo regolamento della piattaforma ecologica di via Copernico è stato il primo passo per disciplinare l’accesso con l’uso della carta regionale sanitaria. 
Ora una nuova misura per regolamentare il conferimento e l’esposizione dei rifiuti nella raccolta a domicilio. 
“La nuova ordinanza -commenta il sindaco Luciano Bassani–  è necessaria al fine di ricordare, ancora una volta, ai nostri concittadini, quanto sia importante incrementare la raccolta differenziata dei rifiuti e salvaguardare le esigenze di igiene pubblica e di decoro su tutto il territorio comunale, per ottenere un sempre maggior recupero di materiali e di un risparmio delle risorse, oltre ad una maggior tutela ecologica ed ambientale”.

Il provvedimento istituisce l’obbligo di esporre le varie tipologie di rifiuto secondo il calendario di raccolta e negli orari indicati (dopo le ore 20 del giorno precedente a quello stabilito per la raccolta ed entro le ore 6 del giorno del passaggio degli operatori) e a separare in modo corretto i rifiuti. 

Il vetro nei contenitori di colore blu; la carta e il tetra pak nel sacco bianco semitrasparente, in scatole o cassonetti di colore bianco; la plastica e le lattine nel sacco giallo semitrasparente o in cassonetti di colore giallo; i rifiuti umidi nel sacco di mater-bi o nel contenitore di colore verde; i rifiuti secchi nel sacco grigio semitrasparente o in cassonetti di colore verde.

La novità che è stata introdotta, in via sperimentale per il periodo compreso tra il 1° novembre e il 31 dicembre 2011, riguarda proprio il ritiro dei rifiuti secchi, che verrà effettuato un solo giorno la settimana al posto dei due giorni sino ad ora stabiliti. 

“Crediamo, in questo modo, di migliorare il servizio favorendo una differenziazione maggiore da parte dei cittadini -aggiunge l’assessore all’ecologia Renato Laviani -. Il provvedimento è sperimentale in una prima fase per verificare l’efficacia. L’obiettivo è sempre quello di aumentare la quota di rifiuti differenziati per raggiungere la soglia del 65% entro la fine del 2012, come previsto dalla legge”.

Lascia un commento